Il padlet del corso Lingue Straniere e TIC #PNSD

Ritengo che il Piano Nazionale Scuola Digitale sia una grande opportunità per la scuola italiana, sempre che la formazione non si concentri sui “tecnicismi” ma sulla didattica e sulla condivisione libera delle risorse.
Ecco un esempio di come si può usare Padlet per condividere risorse o fare un’esercitazione. Ammetto che la visualizzazione su WordPress non sia bellissima, ma comunque funziona 😉

//padlet.com/embed/u3h6n15931vg

Advertisements

A tutto CLIL

Tardo pomeriggio, la giornata sul CLIL è andata bene, anche se io ero la penultima, e siccome eravamo in ritardo, mi sembra di aver parlato con il “fast forward”. Vabbè i materiali sono tutti on line… Chi se li vuole andare a vedere ci andrà, l’idea era quella di presentare un approccio didattico project&task-based, invece della solita lezione frontale. Come al solito il MIUR vuole fare le nozze coi fichi secchi, la formazione CLIL non è ancora iniziata (hanno la lista degli interessati dal 2010… E ancora non hanno fatto niente, ci vorrà un cMOOC anche per loro?). Mi ha fatto molto piacere ritrovare tante compagne di avventura, Simona Bernabei, Eleonora Marchionni, Marina Marino (è grazie a lei che sono qui, ricordo ancora quel giorno che sono andata ad un incontro su eTwinning a Livorno, e mi si è aperto un mondo, l’entusiasmo che trasmette è contagioso!), ma anche conoscere persone come Daniela Calzoni, anche lei una forza della natura.
Marina ha fatto il suo intervento in videoconferenza, condividendo con noi il suo schermo. Sicuramente eravamo in piena googlecrazia, ma è stato veramente bello. Devo imparare a usare questi strumenti.
Sono veramente stanca, e ciononostante mi sono letta il nuovo post sui social network e diavolerie simili. Belli i video postati, uno solo lo avevo già visto, quello girato in Belgio. La spiegazione del prof è illuminante, io l’anima al diavolo l’ho venduta e lo faccio guadagnare anche bene…
Campagna_toscanaBellissimo il paesaggio toscano che vedo dal finestrino del treno. Come si fa a non amare la Toscana? Ogni volta che mi viene voglia di scappare da questa Italia disgraziata, mi guardo intorno e cambio idea…